2 Febbraio 2009 - 18:50

INTERVISTA A SABATINI

L'INIZIO DI UNA NUOVA STRADA

INTERVISTA A SABATINI L'INIZIO DI UNA NUOVA STRADA

Grande lavoro del nostro direttore sportivo, Walter Sabatini in questa sessione di mercato. Il grande colpo del club di Viale del Fante si chiama Abel Hernandez acquistato dal Penarol. Con lui altri giovani promettenti che confermano il Palermo come una società attenta ai giocatori di grande prospettiva: Morganella, Pellegrini, Sabatucci. "E' stato il mercato che volevamo fare - dice Sabatini a ilpalermocalcio.it - cosi come concordato con il presidente Zamparini. Con gli ultimi arrivi abbiamo lavorato anche per la stagione ventura, anche se già adesso siamo contenti della squadra che sta facendo benissimo in campionato, malgrado le due ultime sconfitte". E' stato Hernandez a tenere col fiato sospeso i tifosi rosanero. Una trattativa rallentata nei ritmi per il fax dall'Uruguay che tardava ad arrivare. "Avevamo la situazione sotto controllo - dice Sabatini - qualche problema alla fine c'è stato, ma è il risultato finale quello che conta". Poi il nostro ds dice. "Caratterialmente non sono mai contento, perchè nel calcio si può fare sempre di meglio, ma con oggi abbiamo gettato delle basi importanti, per un lavoro che svilupperemo nei prossimi mesi. Di sicuro, le operazioni messe a segno in questa fase di mercato non creeranno un disequilibrio all'interno dello spogliatoio". Tra tanti arrivi, da registrare il rifiuto del diciassettenne attaccante del Treviso, Zigoni. "La delusione c'è - continua Sabatini a ilpalermocalcio.it -, ma quando un ragazzo non capisce l'importanza di una piazza come Palermo è grave, ho l'impressione che lui sia stato spaventato da terze persone o da altri club vicini a casa sua. Chi viene a Palermo lo deve fare con grande gioia ed entusiasmo, come hanno dimostrato i giocatori che ci siamo garantiti". Straordinario il lavoro di Sabatini. "Non ho rivendicazioni da fare per alcune critiche dei mesi scorsi, il calcio deve ospitare tutti gli stati d'animo. Ho un programma in testa condiviso con il presidente e con Ballardini e siamo certi di arrivare a importanti traguardi entro pochi anni. Sono vecchio per cercare gloria, fin dal primo giorno il mio unico scopo è quello di fare grande il Palermo e dare gioia ai tifosi rosanero".

Ultime news

Leggi tutte le news