18 Gennaio 2006 - 22:35

Palermo - Parma 4-2

Palermo - Parma 4-2

Dopo quasi tre mesi, il Palermo torna alla vittoria casalinga in campionato, superando il Parma con il risultato di 4-2. Protagonista assoluto della serata è stato il neo acquisto David Di Michele, che ha deciso la gara con due splendide reti nel secondo tempo,. Prima della sua doppietta, il Parma si era portato due volte in vantaggio, con le realizzazioni di Simplicio e Paolo Cannavaro, ma si era fatto raggiungere entrambe le volte, prima da una punizione di Corini e, successivamente, da un magnifico gol di Barzagli.
Il primo vero pericolo della gara arriva al 4’, quando Santana, servito da Di Michele, tira a botta sicura ma centra il palo alla destra dell’ex rosa Guardalben. Al 9’ si fa vedere il Parma con un cross basso di Marchionni smanacciato da Lupatelli, che riesce così a mettere fuori tempo gli attaccanti avversari, pronti a ribadire in rete. All’11’ ci prova Di Michele dal limite, ma senza precisione, mentre al 18’ gli ospiti vanno vicinissimi al gol con Morfeo che, lanciato da Corradi, anticipa Lupatelli in uscita con un pallonetto, ma Barzagli salva sulla linea. Di Michele si rende ancora pericoloso al 22’, ma la sua girata su calcio piazzato di Corini termina di poco alta, mentre un minuto più tardi arriva il vantaggio del Parma con Simplicio, che scambia con Morfeo e, a tu per tu con Lupatelli, lo batte con un destro al volo sul primo palo. La reazione del Palermo arriva immediata e, dopo appena quattro minuti, Corini pareggia con una punizione perfetta che si infila nell’angolino basso alla destra di Guardalben. Al 33’ Simplicio va vicino alla doppietta personale con un tiro da fuori che sfiora il palo alla destra di Lupatelli, ma il raddoppio parmense arriva cinque minuti dopo, al termine di un’azione irregolare, viziata da un fallo di mano (non visto da Banti, appostato a pochi passi) di Contini, che intercetta un rinvio di Corini e serve Paolo Cannavaro, il cui destro a girare dal limite si infila nel ‘sette’ alla sinistra dell’estremo difensore rosanero. Corini protesta e, oltre al danno, arriva anche la beffa dell’ammonizione per il capitano del Palermo che, diffidato, sarà costratto a saltare la trasferta di Milano con l’Inter. I rosa, innervositi dalle discutibili decisioni arbitrali, non riescono ad imbastire una reazione e si rendono pericolosi solo al 46’, con un colpo di testa di Terlizzi fuori misura. Il primo tempo si chiude, quindi, con il Parma in vantaggio per 2-1.
La ripresa inizia con Godeas al posto di Caracciolo e con un Palermo aggressivo e deciso a riprendersi il maltolto. Così, nel giro di pochi minuti, arriva l’uno-due che capovolge il risultato. Al 5’ Barzagli ruba palla a Morfeo a centrocampo, avanza, scarta un avversario e conclude rasoterra dai 20 metri, infilando l’angolino alla sinistra di Guardalben. 2-2 e primo, splendido, gol di Barzagli con la maglia rosanero. Passano appena due minuti ed ecco la rete che vale il sorpasso: Corini dalla trequarti difensiva lancia lungo per Di Michele, il neo acquisto rosa parte da centrocampo scattando sul filo del fuorigioco, si invola sulla destra, entra in area e si accentra e, a tu per tu con Guardalben, lo scavalca magnifico con un tocco sotto. 3-2 e ‘Barbera’ in tripudio. Al 14’, però, arriva un altro cartellino giallo pesante, questa volta per Gonzalez che, anche lui diffidato, salterà l’Inter. Il Parma si fa vedere nuovamente con un colpo di testa di Corradi, su cross di Simplicio, facilmente bloccato da Lupatelli, ma gli ospiti capitolano al 15’, ancora sotto i colpi di uno stratosferico Di Michele che, servito da una verticalizzazione centrale di Godeas, scatta nuovamente sul filo del fuorigioco e scavalca Guardalben con un meraviglioso “cucchiaio”. 4-2 e tifosi impazziti davanti ai numeri del numero 17 rosanero. Di Michele, al 23’, sfiora addirittura il tris, catapultandosi su una corta respinta di Guardalben e concludendo da posizione defilata, ma trovando la nuova opposizione del portiere ospite. Un minuto dopo Corini è costretto a lasciare il campo per infortunio e lascia il posto a Bonanni, il quale, due minuti dopo, scodella dal corner un perfetto cross per la testa di Godeas, che sfiora la traversa. Al 28’ Lupatelli salva in uscita bassa sul solitario Marchionni e rimane a terra per qualche minuto, poi si rialza, ma cinque minuti più tardi, dopo aver bloccato una debole conclusione centrale di Corradi, è costretto a lasciare il posto ad Andujar. Al 35’ ci prova Bonanni con una botta dai 25 metri, ma Guardalben alza in corner, quindi le ultime occasioni del Parma sono firmate da Corradi che, di testa al 39’ e di destro al 41’, manca la porta. Dopo quattro minuti di recupero, l’arbitro Banti fischia la fine: il Palermo esce finalmente in trionfo dal ‘Barbera’ e si porta a quota 26 punti, scavalcando l’Udinese e salendo così in decima posizione.

Ultime news

Leggi tutte le news