8 Luglio 2009 - 20:30

Zenga: "Voglio vincere il campionato"

Zenga: "Voglio vincere il campionato"

“Ho scelto il Palermo perché è una piazza importantissima, una società con grandi ambizioni, un gruppo di giocatori che punta in alto. Ho sempre ammirato il Presidente Zamparini per ciò che ha fatto per il Palermo e mi sono sempre chiesto perché i rosanero non sono andati in Champions. Io voglio vincere il campionato ed i giocatori saranno motivati e caricati in tal senso”.

Walter Zenga, alla sua prima conferenza stampa da allenatore del Palermo, punta subito in alto e carica l’ambiente rosa.

“Eventuali critiche? So perfettamente come ragiona la società e cosa vuole e so che ci sono  due ruoli che nel calcio sono sempre stati criticati: portiere ed allenatore, ed io ho fatto entrambi.  Sono convinto che tra me e Zamparini non ci saranno mai problemi, ci saranno certamente momenti in cui le cose potranno non andare nel verso giusto ma il mio rapporto con Zamparini sarà spettacolare. Mi piacerebbe se vorrà chiamarmi  anche al telefono in diretta durante ogni conferenza stampa di fine partita”.

Sulla composizione della rosa Zenga ha sottolineato che “va bene. Voglio valutare determinati giocatori in ritiro con me e poi potremo prendere le decisioni possibili. Il fatto che non ci sia Liverani, che è un grandissimo giocatore, lo leggo come un vantaggio: vuol dire che gli altri dovranno dare di più. Ho già sentito i giocatori telefonicamente e li ho sentiti bene. Non chiederò loro di essere perfetti ma di migliorare ogni giorno il loro rendimento. Dovranno avere voglia di fare l’allenamento, non farlo per dovere, voglio la grinta fino all’ultimo minuto di una partita. E poi per me è importante la condivisione: del resto in tutte le squadre prima di ogni partita ci sono confronti con la dirigenza, con lo staff tecnico e con i giocatori: ho sempre condiviso con tutti qualsiasi decisione”.

Inevitabile parlare anche della Primavera; Zenga ha rivelato che “quando la primavera del Palermo ha giocato la finale una persona del mio staff è andata con loro in ritiro. I giovani sono importanti: Mazzotta, giusto per fare un esempio, lo giudico un giocatore di serie A. Cavani? Ce ne vorrebbero 15 di Cavani. Con me giocherà sicuramente e farà anche bene".

Rispondendo alle domande sul mercato del Palermo, l’allenatore rosanero ha detto: “l’anno scorso l’unica squadra che ha dimostrato qualcosa è stata il Barcellona e non mi sembra che abbia speso. Non serve spendere tanto, è importante spendere bene. Per quanto ci riguarda, adesso possiamo parlare solo di Nicolas Bertolo, giocatore con grandi capacità tecniche che può anche spingere in avanti”.

A che gli fa notare che i tifosi potrebbero contestarlo per il suo passato al Catania, Zenga afferma di avere ricevuto “tanti attestati di stima. Faremo in modo che possano essere orgogliosi di noi. Per quanto riguarda il mio rapporto col Catania, è rimasto sereno, come dice lo stesso Lo Monaco”.

Un veloce accenno al suo staff: Massimo Pedrazzini, Gianni Vio, Antonio Brambilla, allenatore dei portieri, Maurizio Di Renzo, ed una bellissima affermazione “difenderò i miei giocatori sempre e comunque. Loro dovranno acquisire una mentalità vincente già appena saliranno sul pullman domattina”.

Ultime news

Leggi tutte le news